Biografia

Si avvicina al mondo della fotografia quando ha ancora 13 anni. All’età di 15 anni parallelamente agli studi si avvicina al mondo del lavoro, in particolare alla riproduzione per la stampa offset, seguendo gli insegnamenti del padre che lo introduce alle tecniche di camera oscura e di fotomontaggio fotografico. Usa per molto tempo reflex 35 mm soprattutto con pellicole bn che elabora autonomamente.

Introduce subito dopo la pellicola diapositiva con cui documenta anche gli inumerevoli viaggi intorno al mondo.

Alla fine degli anni 80’ si avvicina al medio formato con cui comincia a realizzare le prime immagini professionali per aziende produttrici di packaging e cataloghistica, proprio in quegli anni la prima interfaccia di uno scanner professionale ad un computer lo avvicina alla fotografia digitale, con cui diventa definitivamente padrone della gestione colore, cromatismi ecc.. facendolo apprezzare per l’estrema fedeltà delle foto riproduzioni che realizza.

Gli anni 90 introducono l’utilizzo del grande formato, con una Sinar riproduce opere d’arte, ma anche tessuti pregiati e foto di still life, nel 95’ arriva la prima apparecchiatura digitale (a scansione) con cui parzialmente riesce a sostituire la pellicola. Solo nel 2000 dopo aver testato tante apparecchiature, riesce finalmente a trovare quella che tutt’oggi gli permette nel 90% dei casi di sostituire il film.

Attualmente utilizza un dorso su un banco ottico digitale per lo still- life, un altro su una medio formato per esterni e foto di movimento. Oggi può vantarsi di essere conosciuto proprio per la sua capacità di realizzare immagini di elevato contenuto in termini di fedeltà cromatica, profondità ecc.. nei settori della moda del tessile dell’oggettistica, delle riprese aeree ed architettoniche.